31.1.2017 

 

Acque: approvato primo aggiornamento del piano di gestione del Distretto idrografico delle Alpi Orientali

Il Presidente del Consiglio dei Ministri approva con decreto il primo aggiornamento del Piano di Gestione delle Acque del Distretto idrografico delle Alpi Orientali.  

 

In Gazzetta Ufficiale (n. 25 del 31.1.2017) il DPCM 27 ottobre 2016 recante l’approvazione del primo  aggiornamento del Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali previsto dalla Direttiva 2000/60/CE. Il Piano di Gestione costituisce stralcio funzionale del Piano di Bacino distrettuale, di cui all’art. 65 del D. Lgs. 152/2006, e ha valore di piano territoriale di settore.

Tra gli elementi che contraddistinguono questo primo aggiornamento del piano, va segnalata la sua maggiore aderenza, sia nell’architettura e nella base conoscitiva, ai dettati della Direttiva Acque 2000/60/CE. Il monitoraggio e la classificazione sono stati impostati sulla base delle metriche e dei criteri coerenti con le indicazioni delle Amministrazioni competenti. Il Primo aggiornamento del Piano di Gestione delle Acque quantifica gli impatti conseguenti alle pressioni significative esercitate sui corpi idrici del distretto e ne valuta quindi lo stato ecologico e chimico. Il piano stabilisce un programma di 1280 misure  “puntuali“ e “generali”, coerenti con gli obiettivi ambientali fissati dalla Direttiva, e cioè il raggiungimento dello “stato buono” di tutte le acque nei termini prefissati, salvo casi particolari espressamente previsti. Il costo stimato per realizzare il programma è di circa 5.500.000.000 € di cui con finanziamento assicurato 1.388.000.000 €.

L’impostazione del piano è in linea con gli approcci seguiti a livello internazionale ed europeo per le analisi ambientali. E’ stato, infatti, adottato il modello concettuale Determinanti - Pressioni - Stato - Impatti - Risposte il quale  consente di individuare le relazioni funzionali causa/effetto tra i singoli elementi per determinare le misure di piano. E’ stata inoltre compiuta una ricerca di dati necessaria per effettuare l’analisi del recupero dei costi per i principali utilizzi idrici. Nuove Linee metodologiche definiscono gli obiettivi più rigorosi previsti nelle Aree Protette. Sono state infine previste misure di coordinamento con il Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni.

 

>> Consulta i documenti di piano sul sito alpiorientali.it

>> Consulta il DPCM 27 ottobre 2016 (G.U. n. 25 del 31.1.2017)